Post in evidenza

Gamberetto e l'accensione di una tre cilindri

lunedì 19 luglio 2010

La Grande Mina : Valentino ha già Vinto.....


Alla vigilia del gran premio del Sachsenring, con il  rientro  di  Valentino Rossi dopo  41 giorni  di cure  in seguito alla frattura esposta di tibia e perone al  Mugello , Mina dedica queste  Parole  ad uno  dei più Grandi  del  motociclismo  di  sempre .


VALENTINO HA GIA' VINTO

Come mi piacerebbe essere lui. Solo per un paio di settimane! Magari proprio queste ultime due, con tutti i problemi e con tutto il coraggio che lui comunica. Con semplicità. Sorridendo. Non è consueto vedere il sorriso sulla bocca di chi è il primo, il primissimo, direi quasi il numero zero nella sua specialità. Lui ha questo dono. Sembra che prenda le domande che gli pongono, sempre le stesse, con leggerezza. Non si infastidisce mai quando viene assaltato da turbe di fans. Insomma, per usare un modo di dire che non amo, ma che meglio di tutto esprime l’idea, non se la tira. Quando potrebbe, e come.

È spiritoso. È bello. È Valentino Rossi. Che torna oggi. Un mito intatto che, finalmente, giustifica in pieno il nostro orgoglio. È un incanto poter dire che lui è nostro. Lui che realizza i nostri desideri. Lui sì. Senza interpretazioni, senza giudizi. Se ci ripenso, tutto si è svolto in un attimo. Un volo pauroso apparentemente quasi senza ragione. Un dolore violento dimostrato da una smorfia, per fortuna, ad occhi aperti. Lo stomaco, il cuore, un urlo, tutto nella gola di ogni mamma. Poi pochi attimi di silenzio, con brevi interrogativi, diversi tra loro, di medici, di fans, di telecronisti, di pubblicitari, di direttori sportivi, di amici. Poi, ancora, il boato per la sua voce che ci voleva informare della voglia di guarire e in fretta.

Le mamme risistemano i loro organi interni e tutto il resto si ricompone. Senza di lui la sequenza di vittorie di Lorenzo sembra un intervallo con le fatidiche pecorelle incorporate. Il programma sta per ricominciare. Molto bene. Il fenomeno si ripresenta incastrato in una moto che sembra un pezzo di lui, più che un mezzo meccanico. Tanto è vero che, senza moto, Vale ha bisogno di stampelle. Ognuno di noi starà pensando a viti, chiodi, stecche di metallo, osteoblasti, cicatrici, dolore. Lui sicuramente no. Domerà i cavalli del motore e le bizze dei suoi pensieri. Spero che ci dedichi i sorrisi di sempre, i gesti scaramantici di sempre, il genio di sempre. Le mamme, pur tranquillizzate per la pronta guarigione, tenderebbero a provare a pronunciare parole di prudenza. Non starà ad ascoltare niente e nessuno. Probabilmente sarà già stufo di stare senza la gara che per noi è emozione e per lui sembra essere una passione, un gioco. Oggi, e non glielo auguro, potrebbe non arrivare primo. Ma il vincitore sarà sempre lui.

Firmato  MINA


fonte: www.lastampa.it


Vi  regalo qualche video legato  a Valentino a Celentano  e alla grande Mina !!! Spero  di  farvi  piangere e ridere allo  stesso  tempo!!! che con questi  soggetti  è  veramente facile !! dei  mostri  sacri !!!








L'arcobaleno:

Acqua e sale 

Quello  che non ti  ho  detto  mai 




Mi  piace ricordare  Il  vale cosi' :






















Nessun commento: